Home / Politica / Alitalia: tra delusione e sconforto, resta la speranza

Alitalia: tra delusione e sconforto, resta la speranza

E’ un caso su cui molti stanno intervenendo e pochi sanno dare risposte concrete. Quale sarà il destino di Alitalia? Dove finirà la compagnia di bandiera?

Domande lecite, per chi come noi, si limita a leggere ciò che viene riportato sui giornali in queste ore. Il ministro Paolo Gentiloni commenta con delusione il fatto che non si sia riusciti a cogliere l’opportunità tra l’azienda ed i sindacati.

Il ministro aggiunge inoltre che non ci siano dei ‘piani B’ da mettere in pratica. Il governo non può salvare la compagnia con i soldi pubblici. Si è stimato ad ogni modo, che serviranno circa un miliardo di euro anche in caso di fallimento.

Se Alitalia dovesse dichiarare fallimento, serviranno i soldi pubblici per ammortizzare i costi dei dipendenti.

Ad ogni modo però, ad oggi, Carlo Calenda, titolare dello sviluppo, si dice essere pronto a chiedere un prestito ponte di 400 milioni di euro per poter garantire alla compagnia di poter continuare il proprio operato fino all’arrivo di un ipotetico compratore.