Home / Alimentazione / Starbucks, pronto per l’Italia?

Starbucks, pronto per l’Italia?

In un intervista rilasciata all’app, Howard Schultz, l’amministratore delegato della nota società, ha spiegato come ci sia in cantiere il progetto di aprire le porte della nota multinazionale anche in Italia, partendo proprio da Milano, capoluogo lombardo e metropoli nostrana per eccellenza.

Si tratta proprio di Starbucks, che ad oggi conta 26 mila punti vendita in 75 paesi del mondo, ma nessuno ancora presente in Italia. Si dice che proprio nel nostro paese, Schultz ebbe la lungimirante idea, durante un viaggio di lavoro ormai oltre trent’anni fa.

Si è aspettato così a lungo proprio perchè in Italia, la concezione del caffè è una vera e propria tradizione da rispettare, giunti però alla conclusione che dopo 35 anni di attività mondiale della multinazionale, si è pronti a sbarcare in Italia, considerando attentamente tutti i pro e i contro di un passo così delicato.

Ancora non si è stabilito nulla di certo, si è discusso a lungo su format e prezzi e le indiscrezioni sono tante. Si pensa però che sia giusto che i punti vendita mantengano le loro caratteristiche anche in Italia.

Si inizia da Milano e poi? Schultz, ha progetti ben più grandi, si parla infatti di colonizzare il paese con punti vendita che tocchino tutte le zone dell’Italia. Ora però bisogna concentrarsi su Milano. Uno Starbucks nel cuore della città sarà solo un valore aggiunto alla potenza affascinante del capoluogo?